Binaural Beats - SuperCollider

(
SynthDef("bat", {
        var sig, resfreq;    
        sig = Pan2.ar(SinOsc.ar(540,0),-1) + Pan2.ar(SinOsc.ar(547,0),1);
        Out.ar(0, sig);
}).play;
)

I toni binaurali sono dei battimenti che vengono generati direttamente dal cervello quando le due onde sonore vengono ascoltate separatamente tramite degli auricolari (quindi non vi è sovrapposizione fisica delle due onde sonore). I toni binaurali, (o battiti binaurali dall'inglese binaural beats), sono dei battimenti che vengono percepiti dal cervello quando due suoni con frequenza inferiore ai 1500 Hz e con differenza inferiore ai 30 Hz vengono ascoltati separatamente attraverso degli auricolari. È importante precisare che tali battimenti non sono conseguenza, come normalmente accade, di una sovrapposizione fisica delle onde sonore (cosa impossibile utilizzando degli auricolari), ma vengono generati direttamente nel cervello. Il fenomeno è stato identificato nel 1839 da Heinrich Wilhelm Dove.

Gli stadi principali dell'attività elettrica corticale del nostro cervello possono essere riassunti così:

- Beta (13 - 30 Hz)
Le onde beta, sono proprie delle normali attività di veglia o fase REM del sonno, indicano che la corteccia cerebrale è attivata;

- Alpha (8 – 13 Hz)
Le onde alpha o alfa sono associate a uno stato di veglia ma rilassata. La mente è calma e ricettiva. E’ lo stato ideale per lo studio o la meditazione;

- Theta (4 - 8 Hz)
Le onde theta sono tipiche di uno stato meditativo profondo e/o in alcuni stati di sonno. In questo intervallo di frequenze l’individuo è concentrato sugli stimoli interni e l’interazione tra i due emisferi cerebrali è elevata. Questa fase è tipica del dormi/veglia;

- Delta (0,5 - 4 Hz)
Il ritmo delta è molto lento ed è caratteristico del sonno profondo e del coma.

Le onde Gamma sono rare e relative a frequenze superiori ai 30 Hz nel range 30-90 Hz e sono tipiche degli stati di meditazione e di grande energia, sono correlate con la volontà e i profondi poteri psichici.

E' difficile stabilire in che condizione si trovi il cervello; ma, si puo' supporre che, durante il giorno, si emettano, solitamente, delle onde Beta (20Hz); quindi, potrete iniziare da quella frequenza, per poi aumentarla, verso l'alto, o diminuirla, verso il basso. Se, invece, la situazione neuro-cerebrale e' piu' rilassata, iniziate pure da 15Hz, o, meno; e viceversa.

Già nelle missioni spaziali vengono usate queste tecniche; ad esempio, quando gli astronauti devono - per emergenze, o per esigenze tecniche - lavorare, molte ore, senza pausa; oppure, restare svegli per supervisionare gli strumenti. Allora, essi si sottopongono ad un trattamento, a base di lampi ad intermittenza e suoni, che sposta il loro orologio biologico e riattiva la loro concentrazione, permettendo loro di vincere il sonno e la stanchezza.

Oltre ad avere una particolare influenza sul rilassamento, dove si e' dimostrata di particolare efficacia, essa sembra sviluppare anche capacita' immaginative e creativita'. Può essere utile per aiutare la meditazione e l’ipnosi, per alleviare emicranie e mal di testa, per la riduzione del fabbisogno di sonno e l'induzione al sonno naturale, per l'eliminazione della depressione e dell’ansia. E’ di aiuto nei disordini nella capacità di attenzione e della concentrazione, e per molto altro.

Questi battimenti furono scoperti nel 1839 dal tedesco Heinrich Wilhelm Dove, egli di accorse che applicando alle nostre orecchie due frequenze differenti, è possibile percepire i battimenti pari alla sottrazione delle due frequenze. Spiegando praticamente quanto sopra affermato, supponendo di applicare (con delle cuffie) all’orecchio destro un segnale audio pari a 400 cicli al secondo (Hz) e all’orecchio sinistro un segnale pari a 412 cicli al secondo (Hz), saremo in grado di percepire un battimento di queste frequenze pari a 12 cicli al secondo (Hz).
Il fenomeno dei battimenti dimostra che il suono che noi percepiamo è un elaborazione interna al nostro cervello di quanto percepito dalle due orecchie in modo distinto.

Il nostro apparato uditivo è comunque limitato nella percezione delle frequenze acustiche, infatti il range di frequenze percepibili dall'essere umano è compreso tra 20 cicli al secondo (Hz) e 20.000 cicli al secondo (Hz). Al di sopra (ultrasuoni) e al di sotto (infrasuoni), non siamo in grado di percepire nulla. Così nel 1973 il Dr. Gerald Oster del Mount Sinai school of Medicine New York , decise di fare alcuni esperimenti sul possibile fenomeno di risonanza che poteva venirsi a creare tra i Battimenti Binaurali e l'attività elettrica corticale. Egli considerò che le frequenze del nostro elettroencefalogramma (EEG) sono inferiori ai 20 cicli al secondo (Hz), così da non poter essere influenzate per risonanza dai normali segnali audio. Questo perché l’orecchio umano non è in grado di percepire frequenze così basse (inferiori ai 20 Hz). Con i battimenti binaurali, è invece possibile percepire le variazioni anche a frequenze molto basse, ed il Dr. Oster rilevò che il nostro elettroencefalogramma è influenzato dai battimenti binaurali, arrivando ad avere una attività elettrica con frequenza simile a quella del battimento.

Leave a Reply